La nuova traduzione: come cambia il Padre Nostro

Il Padre Nostro nella traduzione dalla Bibbia così come la recitiamo sarà cambito.

Già da alcuni anni si attende la pubblicazione del nuovo messale romano contenete una modifica la Padre Nostro.

Nella preghiera al Signore che tutti rectiamo vi è una frase in cui, lo dice il Santo padre, si cita un’azione tipica del maligno e non di Dio, che desidera solo il bene per i suoi figli.

In effetti il problema sorge dalla traduzione dal greco della più recitata delle invocazioni.

Questa modifica alla traduzione in uso nei fatti ha suscitato, e per la verità continua a suscitare, molte polemiche.

Anche se crescono sempre di più coloro che sono favorevoli al nuovo testo.

Ed infatti è proprio Papa Francesco che ha in qualche modo resa pubblica, anche se solo in forma privata, il suo pensiero in proposito e quindi il suo favore alla nuova versione.

E’ pertanto probabile che, una volta superate alcune procedure interne alla Chiesa, prossimaente sarà ufficiale la nuova traduzione dal testo greco della Bibbia.

La frase in questione è: “e non ci indurre in tentezione“.

Come detto dallo stesso Papa Fancesco  non è certo Dio che ci tenta.

E quindi sembra più aderente la nuova espressione: “e non abbandonarci alla tentazione, ma liberaci dal male“.

 

(Visited 1 times, 496 visits today)
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on TumblrShare on RedditEmail this to someone

Potrebbe interessarti...

Tag:

11 Dic , 2017 - In Frontiere dello spirito - di Maurann



Lascia un commento

Commenti