Miracolo del pane di San Gregorio Magno

Nella ricorrenza del Santo gregorio Magno ricordiamo l’evento pdigioso che interessò la trasformazione del pane in sangue.

Il fatto è riportato in più biografie del Santo padre e in particolare in quella scritta  nella Vita Beati Gregorii Papae del Diacono Paolo, del 787.

Nell’anno 595, Papa San Gregorio Magno stava celebrando la Santa Messa nella chiesa di San Pietro.
In quei tempi era uso portare ai piedi dell’altare il pane dalle persone stesse fatto per poter ricevere la Comunione. E così fecero alcune donne romane.

San Gregorio dopo la benedizione dei pani ne iniziò la distribuzione.

Ad un tratto, una delle donne presenti, si mise a ridere e dileggiare l’Eucarestia perchè dubbiosa del fatto che nelle pagnotte benedette vi fosse il Sangue di Cristo: “Quella frazione di pane l’ho portata io da casa, l’ho impastata con le mie mani, e Lei me la offre come Corpo di Cristo?”.

Il Pontefice Santo a quella scena non permise la Comunione alla donna ma ammonì i presenti e chiese loro solennemente di pregare nostro Signore affinchè illuminasse tutti coloro che non credeveno all’Eucarestia.

Ma poi mentre San Gregorio riprese le celebrazioni sull’altare, proprio il pane portato dalla donna miscredente si mutò in carne e sangue… Al chè la donna si mise subito in ginocchio pentita e adorante il miracolo.

Di questo evento del pane tramutatisi abbiamo tutt’oggi la reliquia custodita presso un monastero benedettino a Andechs in Germania.

Questo è solo uno degli episodi ascrivibili al Santo Gregorio che fu Pontefice, la cui opera non si fermò alla cura pastorale ma si esplicò portando i valori cistian anche nella difficile politica dei tempi in cui visse.

Tutt’oggi possiamo rivolgerci al Santo per chiedere la sua potente intercessione recitando questa preghiera.

Preghiera a San Gregorio Magno San Gregorio,

tu sei stato un insigne pastore della chiesa di Cristo, con la tua vita hai effuso nel mondo la pietà e la dottrina cristiana.

Tu hai cercato di mostrare a tutti, credenti e non, il volto di Gesù, come umile e Buon Pastore! Insegna a noi oggi, a metterci al servizio dei fratelli con semplicità di cuore, non cercando di mostrarci migliori agli occhi degli uomini, ma come realmente siamo agli occhi di Dio.

Guidaci nel cammino della vita, per giungere un giorno a contemplare quel tanto sospirato mistero di Dio.

San Gregorio stimolaci nel ricercare Cristo nel corpo consumato di un malato, negli occhi vuoti di un trasandato, nel viso oscuro di un peccatore, nell’accoglienza di un carcerato, nella vicinanza di un escluso, nell’aiutare uno meno fortunato di noi, nel nostro prossimo.

Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te.

Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù.

Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen. Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo.

Come era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli.

Amen.

San Gregorio Magno, prega per noi.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on TumblrShare on RedditEmail this to someone

Potrebbe interessarti...

Tag:

3 Set , 2017 - In Papi, Santi e Beati - di Maurann



Lascia un commento

Commenti